Pumpink rings

14 gennaio 2011

Lo so che vi aspettate la solita zuppetta sana che ripulisce dagli stravizi delle feste… Lo stavo meditando, ma ve lo risparmio, e visto che in questo periodo sono molto finger food addicted, oggi vi beccate quest’altro piattino sfizioso che ho preparato con una zucca gialla allungata regalatami da mia madre che a sua volta l’ha avuta da Enrica (grazie a entrambe ;)
Ebbene prendendo isiprazione da Finger food pillole, una trasmissione molto carina del Gambero Rosso, ho preparato queste chips di zucca, che poi sono diventati “rings” perchè man mano che andato avanti a tagliare è uscito fuori il buco :)
Ovviamente si può fare con qualsiasi zucca, questa quì però essendo allungata consente di aver delle rondelle perfette. La preparazione è semplicissima e il risultato assai sfizioso, provare per credere!

Anelli di zucca fritti

Zucca gialla allungata
farina
olio per friggere
sale
3 foglie di salvia

Eliminare la buccia dalla zucca (ed eventualmente anche i semi). Affettare finemente con una mandolina e disporre le fettine su carta assorbente (servirà ad avere un fritto più croccante). Passare le fettine nella farina ede leiminare quella in eccesso aiutandosi con un colino (da usare a mò di setaccio ;)
In un pentolino scaldare abbondante olio per friggere e quando sarà arrivato alla temperatura ottimale versarvi un pò per volta le fette di zucca infarinate e lasciare cuocere fino a che non diventino croccanti.
Scolare e adagiare su carta assorbente. Spolverare con un pizzico di sale e le foglie di salvia tritate molto finemente.
Da gustare con un buon bicchiere di bollicine ghiacciate!

Vi comunico ufficialmente che ieri ho acquistato online un fantastico stampo per pandoro! Dovrebbe arrivare in un paio di giorni, quindi fra mercoledì e giovedì dovrei averlo tra le mani, se così dovesse essere vi consiglierò il sito, sì perchè il prezzo è davvero vantaggioso: quello da 1 kg l’ho pagato circa 9 euro, mentre su altri siti lo avevo visto a 20-23 euro!!! Ok, ci sono le spese di spedizione che si aggirano intorno agli 8 euro, ma mettendoci insieme altre due o tre cosette a mio parere indispensabili :)) (ma questa è un’altra storia dui cui vi parlerò) ho anmmortizzato ampiamente la spesa!!
Prossimamente inizierà quindi l’impresa PANDORO per cui ho già la ricetta (quella delle sorelle Simili.. ovviamente ;) una vera e propria sfida per me che con i dolci ho poca dimistichezza, ma visto che con i lievitati me la cavo, non dispero!! Comunque si accettano scommesse ;)

Detto ciò, passiamo alla ricetta di oggi: Polenta con zucca e cavolo nero. Un abbinamento ottimo provato qualche tempo fa in un ristorante di Roma servito con una pasta di farro. Io l’ho pensata servita in bicchierini come antipasto, ma nulla vieta di servirla nella maniera canonica, ossia su un bel piatto da portata e servita come gustosissimo primo piatto!
Ah, dimenticavo… il cavolo nero arriva dal mio orto in giardino!!! Eh si, dovete sapere che un pò di tempo fa mi sono messa in testa di fare un piccolo orto nei vasi, così ho piantato lattuga, broccolo e cavolo nero e ora sono bellissime piante verdi, rigogliose ma soprattutto BIO che più BIO non si può!
Buon inizio settimana a chi passa di quì :)

Polenta con zucca e cavolo nero
(per 6 bicchierini o 2 piatti)

180g di polenta
300g di cavolo nero
150g di zucca
brodo vegetale
aglio
olio extra vergine d’oliva
sale
peperoncino
parmigiano grattugiato

Pulire bene il cavolo eliminando le coste più dure e tagliare al listarelle. Eliminare la buccia e i semi dalla zucca e tagliare a tocchetti.
In una padella rosolare uno spicchio d’aglio con abbondante olio evo e una spolverata di peperoncino. Versare il cavolo e la zucca, aggiungere un pizzico di sale e fare andare a fiamma media per 20 minuti, bagnando con un pò di brodo vegetale se dovesse asciugarsi troppo.
Cuocere la polenta nel modo abituale. Versare un pò di polenta nei bicchierini e ricoprire con le verdure, aggiungere un filo d’olio e una spolverata di parmigiano grattugiato.

Ancora zucca…

27 ottobre 2010

Ancora una ricetta che ha come protagonista l’ortaggio preferito dell’autunno: la zucca.  Ecco a voi una bella parmigiana di zucca e patate per la quale ho preso ispirazione dal Cavoletto.
Inutile dire che fredda è più buona e si riesce a gustare meglio, quindi se avete tempo preparatela con un certo anticipo per lasciarla stiepidire un pò, non fate come me che alle 9 di sera ho ancora il forno acceso ;)

Parmigiana di zucca e patate

500g di zucca
3 patate medie
1 mozzarella
150g di parmigiano grattugiato
2-3 foglie di salvia
1 spicchio di aglio
sale
olio evo
pepe

Tritare finemente la salvia e metterla in una ciotolina con abbondante olio, sale, una spolverata di pepe e lo spicchio d’aglio. Mescolare bene e mettere da parte.
Pulire la zucca eliminando la buccia e i semi, affettare sottilmente e sbollentare in acqua salata  per 5 minuti. Procedere allo stesso modo con le patate.  Mettere a scolare la mozzarella e tagliarla a fette sottili.
Con un pennello ungere il fondo di una teglia (di dimensioni 25cmx15cm circa) con la marinata di salvia preparata all’inizio. Procedere a strati alternando zucca, patate una spennellata di olio alla salvia, mozzarella e parmigiano, fino ad arrivare all’orlo della teglia. L’ultimo strato deve essere di mozzarella e parmigiano con un filo di olio alla salvia.
Infornare a 180°C per 30-40 minuti.

Pumpinks & Potatoes Soup

15 ottobre 2010

Nel nuovo ufficio ci sono grandi finestre e questo mi piace, c’è molta luce e questo mi ha fatto superare il trauma del trasloco. Di fronte a me, oltre lo schermo, si apre una grande vetrata che da sul cortile, e un grande albero e una fitta rete di rami e di foglie oltre le quali si intravede il cielo. Ora cominciano ad ingiallirsi le prime foglie e mi torna in mente il viaggio di nozze, le passeggiate a Central Park e le strade di alcuni stati che abbiamo attraversato che sembravano una tavolozza di colori, dal giallo oro al rosso acero. Mi tornano in mente le zucche sull’uscio di quelle casette di legno deliziose e i chioschi che vendevano per strada solo zucche per la festa di Halloween.
Adoro questo ortaggio, sebbene solo ultimamente io abbia iniziato ad usarlo per le mie ricette. Mi piace la sua forma, il suo colore, mi fa venire in mente un tempo perduto, di streghe e di folletti. Un ortaggio da fiaba insomma, non per niente la  carrozza di Cenerentola era proprio una zucca!
Da tempo la desideravo da piazzare sul tavolo del soggiorno e, detto fatto, un paio di settimane fa ne ho trovata una piccolina dal fruttivendolo e l’ho fatta mia! Fino a ieri regnava nel cuore della casa a ricordarci dell’arrivo dell’autunno, ma avendo ormai fatto il suo tempo è stata sacrificata per un paio di ricette. Ecco la prima ;)
….per la gioia di Alberto ;)

Con questa ricetta partecipo al contest Minestre e Zuppe di Lucia del Blog  Ti cucino così ;)

Zuppa di zucca e patate con speck croccante
Per 4 scodelle

600g di zucca
4 Patate medie
80g di speck (fette spesse)
1 cipolla grande
Brodo vegetale
60ml di latte
60ml di panna
erba cipollina
Olio evo
Sale

Sbucciare la zucca, eliminare i semi e tagliarla a tocchetti. Sbucciare le patate e tagliarle a tocchetti. Tritatare finemente. In una casseruole versare abbondante olio evo soffriggere la cipolla fino a quando diventerà trasparente. Aggiungere i tocchetti di zucca e le patate e dopo averle fatte soffriggere per un paio di minuti, coprire con il brodo vegetale.
Cuocere il tutto per circa 20 minuti aggiungendo brodo se necessario. A cottura ultimata passare il tutto al minipimer e aggiustare di sale. Riversare nella casseruola, aggiungere la panna e il latte e fare andare per altri 5 minuti o fino a quando non si raggiungerà la consistenza desiderata. Nel frattempo scaldare un padellino e abbrustolire alcuni pezzi di fette di speck.
Versare la zuppa nelle scodelle, spolverare con erba cipollina sminuzzata, adagiarvi sopra lo speck abbrustolito, aggiungere un filo d’olio e servire ;)

Ricettina veloce veloce per utilizzare un pezzo di zucca che mi aveva regalato mia madre… a lei proprio non va giù e visto che gliel’avevano regalata lei l’ha rifilata a me!! Con conseguente mia grande gioia!!
Cosa potevo farci se non un buonissimo risotto? Certo anche una bella zuppetta non sarebbe stata male, ma intanto vi beccate questo risotto con la variante guanciale ;)

Risotto alla zucca

4 bicchieri scarsi di riso
un pezzo di zucca
1 cipolla
1/2 bicchiere di vino bianco (o di spumante avanzato dalle feste!)
guanciale
olio
sale
erba cipollina
taleggio
parmigiano reggiano

Eliminare la buccia dalla zucca e tagliarla a dadini. In una padella far appassire leggermente una cipolla sminuzzata finemente insieme al guanciale.
Quando il guanciale inizierà a farsi croccante aggiungere la zucca tagliata a piccoli pezzi.
Irrorare di tanto in tanto con del brodo vegetale fino a quando la zucca risulterà abbastanza morbida. Versare il riso e farlo tostare, sfumare con del vino bianco (io ho usato dello spumante avanzato dalle feste e devo dire che non ci stava male!)
Mescolare e di tanto intanto aggiungere del brodo vegetale fino a quando il riso non risulterà cotto. Togliere dal fuoco e mantecare con del taleggio tagliato a piccoli pezzi, aggiungere erba cipollina e un pò di parmigiano e servire caldo.
Il segreto è quello di aggiungere il brodo vegetale di tanto in tanto, il riso deve cuocere rilasciando lentamente l’amido (non deve assolutamente essere lessato sommerso dall’acqua!) e di effettuare la mantecatura lontani dalla fiamma quando ancora leggermente fluido. Il taleggio e il parmigiano provvederanno ad addensare leggermente il tutto.
Oggi per le foto mi ha aiutato Andy… e si vede ;)