Ciambella allo yogurt

1 maggio 2011

 

Dopo la realizzazione del pandoro e del panettone, impresa portata a termine con grande successo lo scorso Natale, ero in preda ultimamente ad una crisi da lievitazione. Qualunque dolce io provassi a fare rimaneva basso e con una densità pari a quella del tungsteno!!!!
Così si sono susseguiti una serie di miseri fallimenti: una torta di mele la cui ricetta ho estrapolato da internet chissà da quale sito mi ha fatto fare una pessima fugura ad un pranzo a casa di Monica e Tommaso, burrosa, ammassata, è stato il colpo di grazia a fine pasto!
Non contenta ho provato a fare la torta margherita seguendo la ricetta scritta dietro la bustina del lievito (quelle mi dicevano che sono infallibili…), ma aimè anche stavolta nulla di fatto, la torta che mi immaginavo bella gonfia, leggera e fragrante non si è alzata più di un centimetro e mezzo!!
Stasera finalmente ce l’ho fatta con questo bel ciambellone allo yogurt. Con grande pazienza ho pesato ad uno ad uno gli ingredienti, ho aspettato che il burro si ammorbidisse, ho sbattuto bene le uova… e questo secondo me è uno dei segreti fondamentali!!!! Per fare un dolce bisogna prendersi i propri tempi senza avere fretta, occorre disporre tutti gli ingredienti in fila e poi farli danzare ad uno ad uno nella ciotola fra le eliche dello sbattitore, sentire il profumo del lievito e della vanillina che aleggiano nell’aria e inebriarsi i sensi quando il burro sprigiona il suo aroma dal forno caldo! Che goduria!!
Domattina mi aspetta una colazione gustosa e leggera con questo dolce allo yogurt!
La ricetta l’ho presa in prestito da GialloZafferano e leggermente rielaborata in base agli ingredienti che avevo. Vi confido che in realtà non l’ho fatto con la farina normale, ma con la manitoba ;) non male il risultato!!!

Torta allo yogurt

120 g di burro
200g di farina (anche manitoba va bene ;)
1 bustina di lievito per dolci
scorza grattugiata di 1 limone
150g di fecola di patate
1 pizzico di sale
4 uova intere
2 tuorli d’uovo
1 bustina di vanillina
250 ml di yogurt bianco magro
125 gr di zucchero
 
Separare i tuorli dagli albumi. Tagliare il burro a cubetti e lasciare ammorbidire a temperatura ambiente, unire metà dello zucchero e la vanillina: sbattere con uno sbattitore fino a ridurre gli ingredienti in una crema gonfia e chiara. Sempre sbattendo, unire i sei tuorli.
Incorporare lo yogurt a temperatura ambiente e la scorza grattugiata del limone e mescolare per amalgamare bene tutto.
Montare a neve gli albumi con un pizzico di sale unendo il restante zucchero; aggiungere delicatamente gli albumi montati al composto di burro e uova. Dopo aver setacciato la farina, la fecola di patate e il lievito, aggiungerli delicatamente agli altri ingredienti precedentemente mescolati. Versare il tutto dentro ad uno stampo del diametro di cm 24 imburrato ed infarinato e infornare la torta in forno già caldo a 180° per circa 30-35 minuti.

Cosa c’è di meglio che passare una piovosa domenica pomeriggio a fare un bel dolce???
Passatempo rilassante e coccoloso in cui tutta la casa si inebria di profumo di burro, quello buono che mio papà mi prende in Vaticano ;)
Il risultato che vedete quì sopra è la rielaborazione, soprattutto nelle dosi, di una ricetta trovata nel libro di Leila Lindolm “Pane, dolci e biscotti”. Il problema era lo stampo a ceriera che secondo la ricetta doveva essere di 23 cm mentre il mio era un pò più grandicello… diciamo 26 cm o poco più. Voi direte… “E che saranno mai 3 cm???” No signori miei, 3cm in una ricetta di dolci, con i quali si sa che non ho molta dimistichezza, possono fare e come la differenza… Lo sa bene il mio secchio della spazzatura che ne ha viste di cose informi poco lievitate, o dure come il marmo butatte via senza speranza…  Eppure, vuoi il caso, vuoi i calcoli che ho fatto a mente seguendo una logica ben poco definita, il risultato è stato sorprendente!! Morbida, friabile, profumata e soprattutto buona :)

Torta ai frutti di bosco

120g di burro
150g di zucchero
170g di farina
1 bustina di lievito per dolci
1 pizzico di sale
2 uova
120g di frutti di bosco
2cucchiai di farina (per i frutti di bosco)
burro e farina per lo stampo

Preriscaldare il forno a 175°C. Tagliare il burro a tocchetti e porlo in un pentolino insieme allo zucchero. Portare a bollore e raffreddare per qualche minuto. Nel frattempo mescolare la farina con il lievito, il sale e amalgamarvi il composto di burro. Sbattere in una terrina le uova con una frusta e incorporarle al composto formato precedentemente. Versare in uno stampo a cerniera (del diametro di 26cm ;) imburrato e infarinato.
Rimescolare i frutti di bosco nella farina, scuotere quella in eccesso e cospargerli sul dolce.
Cuocere in forno a metà altezza per circa 20 minuti o finchè il dolce non sarà dorato.

La Torta di pesche

26 settembre 2010

Da un paio di settimane ho la casa piena di pesche. Eh sì, dovete sapere che la mia mamma che ha i suoi fornitori, ogni volta ne compera una cassetta per loro e una per noi. Ma noi che siamo solo io e Andrea, non ce la facciamo mica a mangiare tutte queste pesche!!!! E visto che già so che con tutta probabilità presto arriverà un’altra cassetta, ho dovuto correre a ripari per non dover vedere questi splendidi frutti gustosissimi aggrinzirsi e ammosciarsi. Mi piange il cuore nel doverle buttare, così ne ho reclutate 5 e ci ho fatto questa buonissima torta ;)
Ho usato il fruttosio perchè x me è più facilmente assimilabile, ma può essere tranquillamente sostituito dallo zucchero ;)
Ovviamente si accettano consigli su modi alternativi di consumare pesche!!!!

Torta di pesche

5 pesche
300g di farina
120g di fruttosio (o zucchero)
120g di burro
4 uova
1 bustina di lievito per dolci
1 limone (scorza)
1/2 bicchiere di latte

Lasciare il burro a temperatura ambiente per mezz’ora. Nel frattempo imburrare uno stampo per torte e infarinarlo.
Quando il burro sarà ammorbidito lavorarlo bene con il fruttosio (zucchero) aiutandosi se è possibile con delle fruste elettriche. Aggiungere le uova ad una ad una e contunuare a sbattere il composto. Aggiungere la farina setacciata, continuando a sbattere, poi la scoza del limone grattugiata. Stemperare il lievito nel latte tiepido e versarlo nel composto amalgamando bene.
Sbucciare le pesche e tagliarle a spicchi.
Versare metà del composto nella tortiera, adagiarvi gli spicchi di pesca, poi coprire con il resto del composto. Il composto risulta abbastanza denso, occorre quindi distribuirlo un pò aiutandosi con un cucchiaio. In fase di cottura comunque si distribuirà uniformemente.
Cuocere in forno a 180 °C per 45 minuti.