Finalmente frutta estiva, fresca, dissetante… non ne potevo più delle solite mele avvizzite, farinose o gommose all’occorrenza!! …e non ditemi che di frutta invernale ce n’è tanta buona, non è mica facile trovare la frutta giusta ultimamente per me …La pera è troppo zuccherina, la banana idem (e poi mi gonfia), l’arancio no perchè ha troppa vitamina C… e che cavolo!!! Una dieta facile no, eh????
Comunque, finalmente libera da quelle odiose mele, ieri ho fatto incetta di pesche noci, belle durette come piacciono a me, sode, gustosissime e coltivate proprio da queste parti ;)
Prima le ciliegie, ora le pesche, mi sto rinfrancando il palato con questi deliziosi frutti!
Durante la preparazione del Clafoutis di Ciliegie, per il quale come vi dicevo in realtà non avevo tante di quelle gustose gemme rosse, ho provato a fare anche due pirofiline con le pesche noci… Risultato sorprendente, perfino più buono dell’originale!!!!

Clafoutis di pesche noci
Per 6 pirofiline di dimensioni 13cmx9cm oppure per una pirofila dai bordi bassi della capacità di 1 litro

2 pesche noci (3 se piccole)
90 g di farina
200 ml di latte
1 pizzico di sale
3 uova
100g di zucchero
2 cucchiai di brandy

Preriscaldare il forno a 180°. Lavare le pesche e asciugarle. Imburrare le prirofiline e cospargerle di zucchero. In una ciotola sbattere  le uova con lo zucchero fino ad ottenere un composto chiaro e spumoso, unire la farina setacciata incorporandola bene  al composto con un cucchiaio di legno. Aggiungere poco alla volta il latte e il Brandy e mescolare delicatamente. Tagliare a spicchi le pesche senza sbucciarle e distribuirli uniformemente sul fondo delle pirofile, e versare sopra il composto pecedentemente ottenuto: infornate per 30 minuti, finchè il clafoutis diventerà soffice dorato.
Servire tiepido.

Annunci

La Torta di pesche

26 settembre 2010

Da un paio di settimane ho la casa piena di pesche. Eh sì, dovete sapere che la mia mamma che ha i suoi fornitori, ogni volta ne compera una cassetta per loro e una per noi. Ma noi che siamo solo io e Andrea, non ce la facciamo mica a mangiare tutte queste pesche!!!! E visto che già so che con tutta probabilità presto arriverà un’altra cassetta, ho dovuto correre a ripari per non dover vedere questi splendidi frutti gustosissimi aggrinzirsi e ammosciarsi. Mi piange il cuore nel doverle buttare, così ne ho reclutate 5 e ci ho fatto questa buonissima torta ;)
Ho usato il fruttosio perchè x me è più facilmente assimilabile, ma può essere tranquillamente sostituito dallo zucchero ;)
Ovviamente si accettano consigli su modi alternativi di consumare pesche!!!!

Torta di pesche

5 pesche
300g di farina
120g di fruttosio (o zucchero)
120g di burro
4 uova
1 bustina di lievito per dolci
1 limone (scorza)
1/2 bicchiere di latte

Lasciare il burro a temperatura ambiente per mezz’ora. Nel frattempo imburrare uno stampo per torte e infarinarlo.
Quando il burro sarà ammorbidito lavorarlo bene con il fruttosio (zucchero) aiutandosi se è possibile con delle fruste elettriche. Aggiungere le uova ad una ad una e contunuare a sbattere il composto. Aggiungere la farina setacciata, continuando a sbattere, poi la scoza del limone grattugiata. Stemperare il lievito nel latte tiepido e versarlo nel composto amalgamando bene.
Sbucciare le pesche e tagliarle a spicchi.
Versare metà del composto nella tortiera, adagiarvi gli spicchi di pesca, poi coprire con il resto del composto. Il composto risulta abbastanza denso, occorre quindi distribuirlo un pò aiutandosi con un cucchiaio. In fase di cottura comunque si distribuirà uniformemente.
Cuocere in forno a 180 °C per 45 minuti.