Si ricomincia… ;)

3 gennaio 2011

Buon anno a tutti voi che passate di quì! Il mio Natale è passato bene, tra pranzi e cene con amici e parenti sono anche riuscita a rilassarmi e a prendermi qualche momento tutto per me! E con l’occasione di farsi gli auguri abbiamo sentito amici e parenti che non vediamo da tanto tempo, quindi questo nuovo anno è iniziato con tanti buoni propositi ;) abbiamo un elenco infinito di persone da invitare a casa prossimamente che devo già mettermi sotto per pensare ad un menù adatto… Iniziamo con l’aperitivo, oggi vi propongo uno sfizioso finger food.

Cornetti con pomodori secchi e maggiorana
(per 12 cornettini)

1 foglio di pasta brisè circolare
10 pomodori secchi
maggiorana fresca (qualche ramoscello)
olio evo
1 albume d’uovo

Rinvenire i pomodori secchi sbollentandoli per qualche minuto in acqua non salata. Scolarli e asciugarli bene con carta assorbente. Tritare finemente i pomodori secchi e metterli in una ciotola. Tritare finemente le foglie di maggiorana e unirle ai pomodori secchi tritati insieme ad un cucchiaio d’olio e mescolare bene. Srotolare il foglio di pasta brisè e spalmarvi sopra il composto. Dividere il cerchio di pasta in tanti traingoli (12 o 16) e arrotolarli partendo dalla parte larga. Disporre su una teglia ricoperta con carta forno, spennellarli con l’albume d’uovo sbattuto e infornare a 180°C per 25 minuti.

Annunci

La focaccia dell’estate

2 settembre 2010

Questa settimana cercato di seguire una dieta un pò più equilibrata… ho evitato di mangiare “schifezze”, cose troppo grasse, ho limitato pasta e condimenti (…che fatica!) Stasera però avevo una voglia matta di pizza, quella fatta in casa, croccante e saporita, così ne ho preparato un bel pò ;)  Una teglia grande con pomodoro e mozzarella, un’altra  con zucchine e mozzarella poi, visto che mi avanzava un pò di pasta, ho preparato una bella focaccia con pomodorini e maggiorana, leggera e gustosa, molto bella da vedersi, con i colori e i sapori dell’estate.

Focaccia con pomodorini e maggiorana
(Dosi per 3 teglie medio-grandi)

500g di farina
1 bustina di lievito di birra in polvere
2 cucchiaini di zucchero
sale
olio evo
pomodorini rossi
maggiorana

Versare la farina in una ciotola capiente, aggiungere il lievito, lo zucchero, un pizzico di sale e mescolare bene. Aggiungere un pò di acqua e continuare a impastare per una decina di minuti fino ad ottenere un impasto omogeneo. Formare una palla e lasciare lievitare nella ciotola coperta da un canovaccio umido in un luogo caldo e asciutto. Lasciare lievitare per una mezz’oretta. Ungere le teglie con olio evo. Passato il tempo di lievitazione riprendere l’impasto, ungersi bene le mani con l’olio e dividerlo in tre parti uguali.Stendere l’impasto nelle teglie e lasciare lievitare ancora per circa 15 minuti coprendo con un canovaccio. Nel frattempo tagliare a metà i pomodorini, condirli con sale e olio. Trascorsi i 15 minuti, posizionare i pomodorini sull’impasto, spolverare con qualche fogliolina di maggiorana, un filo d’olio e infornare in forno preriscaldato a 180°C per circa mezz’ora.

La mia sperimentazione con le farine integrali è approdata a questo bel pane che, beh si proprio dietetico non è, ma tanto per la mia dieta il divieto è solo sui dolci, quindi col salato posso ancora darci dentro ;)
La farina che ho usato è metà manitoba e metà  di grano saraceno e inizialmente devo dire che l’impasto non è stato facile, mi sono aiutata con un pò di latte e acqua aggiuntiva e alla fine, come vedete, ho vinto io!!!
I pomodori secchi sono quelli che avevo preparato un pò di tempo fa, sbollentando in acqua e aceto quelli che si trovano confezionati già secchi e mettendoli, dopo averli scolati bene, in un  barattolo con olio e maggiorana fresca e nient’altro! Ottimi per chi non tollera l’aglio e comunque saporitissimi.

Pane di grano saraceno con pomodori secchi e mozzarella

200g di farina di grano saraceno
200g di farina manitoba
una bustina di lievito di birra in polvere
3 dl di acqua tiepida
2 dl di latte
8 pomodori secchi
200g di mozzarella
maggiorana fresca
olio evo
sale

Mescolare le due farine con il lievito e aggiungere un pizzico di sale. Iniziare ad impastare aggiungendo poco alla volta l’acqua e poi il latte, aiutandosi con un pò di farina manitoba se l’impasto dovesse risultare troppo liquido. Impastare per una decina di minuti, poi formare una palla e mettere in una ciotola coprendo con un canovaccio umido. Lasciare lievitare per almeno mezz’ora in un luogo caldo. Nel frattempo strizzare i pomodori per eliminare l’olio in eccesso e la mozzarella per eliminare l’acqua in eccesso. Tagliare a tocchetti e aggiungere qualche fogliolina di maggiorana fresca tritata.
trascorsa la mezz’ora l’impasto avrà aumentato il suo volume, versarvi sopra un filo d’olio  impastare per un paio di minuti. Aggiungere il composto di pomodori secchi e mozzarella e continuare ad impastare all’interno della ciotola. Foderare uno stampo da plum cake con della carta da forno e adagiarvi il composto facendolo aderire alle superfici, per fargli prendere la forma di unbel panetto! Compattare la superficie con un filo d’olio e infornare a 200°C in forno preriscaldato per circa 40 minuti.

Il mio ordine per le colombe delle Sorelle Nurzia è partito, ho ricevuto la conferma da Mara e stanno volando da me, direttamente da L’Aquila, le mie 2 belle colombe accompagnate da una pizza di pasqua da 1 kg e degli ovetti confettati bianchi… non vedo l’ora che arrivi il tutto, nel frattempo sto cercando di farmi venire qualche idea per la ricetta da inviare alle 99colombe… Sapete com’è: con i dolci mi blocco!!! Qualche spunto ce l’ho e vorrei usare per l’impresa il mio fantastico sifone, devo solo fare qualche prova ;)


Passando alle mie ultime imprese culinarie qualche giorno fa ho comperato una busta di pomodori secchi, li ho sbollentati per circa 7 minuti e li ho messi in un barattolo con olio e maggiorana fresca presa direttamente da uno dei miei vasi fuori ingiardino (niente aglio così sono più leggeri) e ho improvvisato un bel piatto di pasta che poi ho trasformato in gustosissimi timballini! Ho avuto un pò di difficoltà ad estrarli dallo stampino, la prossima volta ritento con della carta forno. Comunque è un’idea carina per servire la pasta nelle cene a buffet. A stasera per la foto striminzita che sono riuscita a fare, ma vi avverto che non è un granchè :P

Timballini di chitarra ai pomodori secchi, mozzarella e pinoli

3 hg di spaghetti alla chitarra all’uovo
pomodori secchi (alla maggiorana) circa 8
pinoli
olio evo
1/2 mozzarella
sale
pepe
basilico
parmigiano
2 uova
burro

In una ciotola spezzettare i pomodori secchi e la mozzarella aggiungere una manciata di pinoli, una spolverata di pepe nero e basilico (se vi gusta anche qualche olivetta nera non ci sta male).
Cuocete gli spaghetti alla chitarra in acqua bollente, scolate e unite al composto. Aggiungere un uovo sbattuto, un pò di parmigiano grattugiato e un pizzico di sale. Imburrare degli stampini da muffin e riempire con la pasta. Infornare a 180 per circa 20 minuti. Raffeddare leggermente e servire. Le dosi sono per 7-8 stampini da muffin.

Tradizione o novità?

4 marzo 2010

Da un pò mi gira per la testa l’idea di preparare un bel rollè di vitella. Nella mia memoria di ragazzina c’è quello che faceva mia zia e mi ricordo che dentro c’erano l’uovo, gli spinaci e prosciutto cotto o mortadella. Mi affascinava il fatto che dentro la carne ci potesse essere una bella frittatina e poi questa girandola colorata, rosa, giallo e verde, era come una magia!
E ora il dubbio amletico… riprovare a fre quello che alberga nella mia memoria e richiamare ancora una volta le sensazioni e le fantasie di bambina, oppure sperimentare qualcosa di nuovo?
Tra le ricette viste in rete mi intriga molto quella di Misya, che riesce con semplicità a fare dei piatti molto interessanti e spiegati passo passo, consentendo anche a chi non ha dimistichezza con i fornelli di lanciarsi nella preparazione di piatti appetitosi.
Alla fine ha vinto la tradizione e ho optato per quello con l’uovo, ma la ricetta della versione con funghi porcini e speck ve la riporto lo stesso, riproponendomi di farla quanto prima!

Visto che domenica scorsa sono andata dal vivaio e ho fatto incetta di erbe aromatiche secondo me ci sta bene anche un pò di maggiorana.

Rollè di vitella ai funghi porcini e speck

600 gr di rollè di vitello
70 gr di  porcini secchi
150 gr di speck
50 gr di ricotta
maggiorana
250 ml di brodo di carne
1 spicchio d’aglio
1 cucchiaio  di farina
olio
sale
pepe

Far rinvenire i porcini secchi in acqua tiepida per circa 30 minuti, dopodichè scolarli tenendo da parte l’acqua di ammollo filtrata (serve per eliminare la terra presente nei funghi). Tritare i funghi e saltarli in padella con olio extravergine d’oliva e uno spicchio d’aglio, quindi trasferirli in una terrina insieme a 50 gr di speck e la ricotta. Aggiungere un pizzico di sale e pepe e alcune foglir di maggiorana sminuzzate.
Tritare il tutto grossolanamente e stendere sulla fetta di vitello lasciando i bordi liberi per poterlo arrotolare senza che il ripieno fuoriesca.
Arrotolare e avvolgere l’arrosto di vitello con le restanti fette di speck e legare con dello spago da cucina.
Far rosolare l’arrosto in padella per qualche minuto, dopodichè trasferire in una teglia da forno, irrorare con un mestolo di brodo e uno di acqua dei funghi e infornare a 180° in forno già caldo. Lasciare andare per 30 minuti circa, bagnando di tanto in tanto con il brodo.
Quando l’arrosto sarà cotto trasferire su un piatto da portata. Aggiungere un cucchiaio di farina al fondo di cottura e farlo restringere a fiamma media fino a formare una salsina che accompagnerà l’arrosto.

Veniamo ora alla ricetta della tradizione!

Rollè di vitella tradizionale

500 g di rollè di vitello
100 g di prosciutto cotto
250 ml di brodo vegetale
250 g di spinaci
2 spicchi d’aglio
Pecorino
1 cucchiaio  di farina
olio
sale
pepe

Tritare finemente un pò di foglioline di maggiorana e unirle a due uova sbattute in una ciotola insieme a un pizzico di sale, mettere le uova in una padella con un filo d’olio e fare una frittatina. Una volta cotta mettetere da parte. Cuocere gli spinaci con un filo d’olio e uno spicchio d’aglio.
Farcire l’arrosto con le fette di prosciutto, la frittatina e gli spinaci e una spolverata di pecorino. Lasciare i bordi liberi per poterlo arrotolare senza che il ripieno fuoriesca. Arrotolare l’arrosto di vitello e legare con dello spago da cucina.
Far rosolare l’arrosto in una padella adatta anche per il forno (altrimenti in una poadella e poi passare in una teglia al momento di infornare) per qualche minuto con un pò di olio. Aggiungere mezzo bicchiere di vino bianco e far sfumare, aggiungere poi uno spicchio d’aglio e qualche rametto di maggiorana e infornare, irrorare con un mestolo di brodo e cuocere a 180° in forno già caldo. Lasciare andare per 40 minuti circa, bagnando di tanto in tanto con il brodo.
Quando l’arrosto sarà cotto trasferire su un piatto da portata e tagliare dopo che si sarà raffreddato. Far restringere il fondo di cottura a fiamma media, se necessario addensare con un ncucchiaio di farina o maizena, fino a formare una salsa che accompagnerà l’arrosto.