L’angolo delle zuppe

2 novembre 2010

Ci sono quelle giornate grigie, quando fuori tira vento e pioggia di uscire non se ne ha proprio voglia, quelle giornate in cui ci piace coccolarci con qualcosa di caldo e rassicurante… e cosa c’è di meglio di una bella zuppa?
Proprio l’altro giorno mi è arrivato il libro in omaggio da Slow Food, quello che si può scegliere nel momento in cui si diventa soci e che è un regalino di benvenuto che l’associazione fa ai nuovi arrivati. Nella lista dei libri da scegliere ce n’era uno completamente dedicato alle zuppe ed’è stato quello che mio marito ha scelto per me, perchè sa quanto mi piacciono le vellutate, le minestre in generale e le ciotoline per servirle… l’alchimia che si scatena quando si mescolano i vari ingredienti, un momento magico che si completa quando il vapore caldo si erge dalla ciotola e con la sua danza delicata arriva al nostro naso e ci dona quel profumo di casa.
Ebbene sul libro in questione, che è un bel volume di più di 500 pagine, ci sono ricette di zuppe provenienti da varie parti d’Italia e mi piacerebbe provare a farne qualcuna di tanto in tanto.
Inauguro quindi con la ricetta di oggi uno spazio completamente dedicato alla categoria Zuppe.
La ricetta è così come la ricordo, quella sul libro è sicuramente più precisa, ma trattandosi di alchimia codsme dicevamo prima non credo occorra essere così precisi con le zuppe ;)
Con questa ricetta partecipo al contest Minestre e zuppe di Lucy di Ti cucino così!

Zuppa di cannelini con cozze bottarga

600g di fagioli cannellini secchi
500g di cozze
4 pomodorini
2 spicchi d’aglio
peperoncino
prezzemolo
bottarga di muggine
olio evo

Lasciare a mollo i fagioli per una notte poi lessarli in acqua salata con uno spicchio di aglio, i pomodorini e un filo d’olio.
Nel frattempo fare aprire le cozze in un tegame con un filo d’olio, un pò di peperoncino e lo spicchio d’aglio. Quando saranno cotte sgusciarle e rimetterle nel liquido di cottura.
Quando i fagioli saranno cotti scolarli, lasciando da parte un pò dell’acqua di cottura, e passarli al mixer. Rimetterli in un tegame con un pò del loro liquido e cuocere per alcuni minuti fino a fare addensare.
Versare in una ciotola, spolverare di prezzemolo tritato, adagiare sulla zuppa di fagioli alcune cozze e aggiungere una grattatina di bottarga e un filo d’olio.

L’odore del mare

5 settembre 2010

Quello che si dice un piatto sciuè sciuè…. ecco, finalmente anche io l’ho scritto ;)
Ci vuole giusto il tempo di cuocere la pasta: 11 minuti per gli spaghetti n°9 della Garofalo, la mia preferita ultimamente, una pasta ottima dal punto di vista rapporto qualità/prezzo! Il top è la Cocco, ma costa più del doppio, quindi la lasciamo per le occasioni speciali ;)
Oltre agli spaghetti però, per una buona riuscita ci vuole un ingrendiente speciale: un bel pezzo di bottarga di muggine sarda, ben stagionata e profumatissima. Un’abbondante grattuggiata, un pò di buon olio caldo e il gioco è fatto. 11 minuti per un piatto semplice, ma di una bontà infinita, che odora incredibilmente di mare!

Spaghetti con la bottarga

200g di spaghetti
bottarga di muggine intera
1 spicchio d’aglio
olio evo
sale

Mentre cuoce la pasta, scaldare in una pdellino abbondante olio evo con uno spicchio d’aglio. Spegnere la fiamma prima che l’olio inizi a soffriggere. Grattuggiare un pò di bottarga in un’insalatiera dove poi si condirà la pasta e un pò in una terrina a parte. Versare un cucchiaio di olio caldo nell’insalatiera e amalgamare con la bottarga precedentemente grattuggiata. Trascorso il tempo di cottura, scolare gli spaghetti, versarli nell’insalatiera unire l’olio e la restante bottarga. Girare ben bene. Impiattare e finire con una grattuggiata di bottarga al volo!

Un primo piatto per anticiparvi il prossimo viaggio. Ancora in un’isola italiana, stavolta la Sardegna. Mi affascina un pò meno della Sicilia ma, ospite di una Sarda verace, so già che non mi deluderà e che per aspetti diversi mi conquisterà.
L’ingrediente principe che da un carattere unico a questo piatto, è la bottarga di muggine che avevo ricevuto in regalo da mia madre in un barattolino che custodivo gelosamente.
Il sapore pungente della bottarga si sposa alla perfezione con il dolce delle zucchine e dei pomodorini, la scorza del limone e il prezzemolo riportano una nota di freschezza. Un piatto estivo dal gusto pieno :)

Spaghetti pomodorini, zucchine e bottarga

2 zucchine
1 cipollotto
12 pomopdorini
1 spicchio di aglio
300 g di spaghetti
4 cucchiaini di bottarga doi muggine macinata
prezzemolo fresco
scorza e succo di 1/2 limone
olio evo
sale
peperoncino

Affettare il cipollotto, lavare e tagliare a tocchetti le zucchine. Fare andare tutto in padella con un filo d’olio a fiamma vivace per una decina di minuti. Le zucchine devono cuocersi ma rimenere croccanti. A cottura ultimata togliere le zucchine e mettere nella padella lo spicchio d’aglio e i pomodorini Lavati e tagliati a metà (Aggiungere un filo di olio se si fosse asciugato con la cottura precedente e se necessario bagnare con un pò di acqua di cottura della pasta). Quando i pomodori saranno appassiti aggiungere le zucchine e spegnere il fuoco. Aggiungere la scorza e il succo di limone. Cuocere gli spaghetti e mettere da parte una tazza d’acqua di cottura per legare la pasta e il condimento alla fine.
Scolare gli spaghetti e versarli nella padella e saltare. Spegnere il fuoco e aggiungere il prezzemolo tritato e due cucchiaini di bottarga. Mescolare bene, impiattare e aggiungere in ogni piatto (in questo caso 2 ;) la bottarga rimasta.