Su Carbonara e Amatriciana

29 gennaio 2010

Perché  gli americani si mettono a rovinare le nostre ricette???
Ho comprato un paio di libri di Donna Hay. Sembravo l’unica a non saperne niente di lei… quindi ho dovuto subito correre ai ripari (il Cavoletto ne parla sempre… e ora ci si è messa pure Giulia!!). Così ho preso gli unici due volumi che ho trovato alla libreria del centro commerciale: sono i volumi sempliciessenziali (così si chiamano) il primo si intitola “Pasta, riso + nodles”, il secondo “Manzo, agnello + maiale”. Eccoli:

In effetti le foto sono bellissime, ci sono delle spiegazioni molto interessanti sui segreti per la cottura della carne, i vari tipi di tagli, i vari tipi di pasta, di riso ecc. e soprattutto in italiano. Insomma sono molto contenta dell’acquisto se non fosse per il fatto che, di ritorno dalla pausa pranzo, ho dato una sfogliatina veloce e mi è balzata agli occhi una ricetta…
Ma io dico: se fai una pasta con il guanciale, l’uovo e il parmigiano (che è l’unica variante che posso concedere a chi non tollera il pecorino) perché mai la devi chiamare “carbonara” se poi ci aggiungi …la cipolla?!?!? …la panna?!?! …il prezzemolo?!?!
Ci sono due cose su cui non transigo: la carbonara e l’amatriciana. 

Carbonara

guanciale
olio extravergine d’oliva
uova
pecorino
pepe

Amatriciana

Guanciale
Olio extravergine di oliva
Peperoncino (a discrezione)
Pomodoro
Pecorino

E basta!!!!
Se ci dovete mettere altre cose non le chiamate così!!!
Con tutto il rispetto per Donna Hay che senza dubbio è una grande ;) …e non vedo l’ora di preparare qualcuna delle sue ricette!