Quel che rimane…

26 gennaio 2011

E’ da una vita che non scrivo. Non so perchè ma in questo periodo non riesco a trovare gli stimoli giusti per cucinare, fotografare e postare le ricette. Di idee ne avrei e anche tante, ma poi alla fine vince il rigore che mi impone di non strafogarmi come al solito e quindi mi ritrovo a cucinare piatti molto light a base di verdure e gira che ti rigira con il poco tempo che ho a disposizione le preparazioni si ripetono e sono sempre le stesse. L’altro giorno però ho voluto provare un modo alternativo di cucinare i broccoli che in questo periodo vanno alla grande a casa mia: romaneschi, siciliani, cavolo nero, cavolo verza, cime di rapa… insomma tutta la famiglia nessuno escluso è passato di quì!
Vi dicevo questo modo alternativo l’ho trovato sul Cavoletto di Bruxelles (tanto per rimanere in tema) e consiste nell’arrostire il broccolo così com’è per un’oretta nel forno ben caldo. Lei lo ha fatto con il cavolfiore, io ci ho provato con il romanesco e vi assicuro che il risultato è sorprendente. Fatto a pezzetti dividendo le cimette e condito con un pesto di prezzemolo olio e aceto bianco è un ottimo contorno. Mio marito è stato capace di far fuori da solo ben 3 broccoli e questo che vedete in foto è proprio quel che rimane. E quì si spiega perchè le mie ricette rimangono senza foto e io non posso postare le ricette :(
Ecco sappiatelo: un responsabile c’è ;)

Broccolo romanesco arrosto

2 broccoli romaneschi
olio evo
abbondante prezzemolo
aceto di vino bianco
sale

Pulire i broccoli eliminando le foglie e la parte del torsolo più dura. Tagliarlo a metà e adagiarlo dalla parte del taglio su una placca ricoperta con carta forno. Cospargere di sale e olio. Infornare a 200°C per un’oretta o fino a quando il broccolo sarà ben cotto.
Dividere le cimette e condire con un pesto fatto con prezzemolo sminuzzato, 2-3 cucchiai d’olio e 2-3 cucchiai di aceto. Le dosi sono un pò approssimative: assaggiate assaggiate assaggiate ;)

Annunci

Pumpink rings

14 gennaio 2011

Lo so che vi aspettate la solita zuppetta sana che ripulisce dagli stravizi delle feste… Lo stavo meditando, ma ve lo risparmio, e visto che in questo periodo sono molto finger food addicted, oggi vi beccate quest’altro piattino sfizioso che ho preparato con una zucca gialla allungata regalatami da mia madre che a sua volta l’ha avuta da Enrica (grazie a entrambe ;)
Ebbene prendendo isiprazione da Finger food pillole, una trasmissione molto carina del Gambero Rosso, ho preparato queste chips di zucca, che poi sono diventati “rings” perchè man mano che andato avanti a tagliare è uscito fuori il buco :)
Ovviamente si può fare con qualsiasi zucca, questa quì però essendo allungata consente di aver delle rondelle perfette. La preparazione è semplicissima e il risultato assai sfizioso, provare per credere!

Anelli di zucca fritti

Zucca gialla allungata
farina
olio per friggere
sale
3 foglie di salvia

Eliminare la buccia dalla zucca (ed eventualmente anche i semi). Affettare finemente con una mandolina e disporre le fettine su carta assorbente (servirà ad avere un fritto più croccante). Passare le fettine nella farina ede leiminare quella in eccesso aiutandosi con un colino (da usare a mò di setaccio ;)
In un pentolino scaldare abbondante olio per friggere e quando sarà arrivato alla temperatura ottimale versarvi un pò per volta le fette di zucca infarinate e lasciare cuocere fino a che non diventino croccanti.
Scolare e adagiare su carta assorbente. Spolverare con un pizzico di sale e le foglie di salvia tritate molto finemente.
Da gustare con un buon bicchiere di bollicine ghiacciate!

Si ricomincia… ;)

3 gennaio 2011

Buon anno a tutti voi che passate di quì! Il mio Natale è passato bene, tra pranzi e cene con amici e parenti sono anche riuscita a rilassarmi e a prendermi qualche momento tutto per me! E con l’occasione di farsi gli auguri abbiamo sentito amici e parenti che non vediamo da tanto tempo, quindi questo nuovo anno è iniziato con tanti buoni propositi ;) abbiamo un elenco infinito di persone da invitare a casa prossimamente che devo già mettermi sotto per pensare ad un menù adatto… Iniziamo con l’aperitivo, oggi vi propongo uno sfizioso finger food.

Cornetti con pomodori secchi e maggiorana
(per 12 cornettini)

1 foglio di pasta brisè circolare
10 pomodori secchi
maggiorana fresca (qualche ramoscello)
olio evo
1 albume d’uovo

Rinvenire i pomodori secchi sbollentandoli per qualche minuto in acqua non salata. Scolarli e asciugarli bene con carta assorbente. Tritare finemente i pomodori secchi e metterli in una ciotola. Tritare finemente le foglie di maggiorana e unirle ai pomodori secchi tritati insieme ad un cucchiaio d’olio e mescolare bene. Srotolare il foglio di pasta brisè e spalmarvi sopra il composto. Dividere il cerchio di pasta in tanti traingoli (12 o 16) e arrotolarli partendo dalla parte larga. Disporre su una teglia ricoperta con carta forno, spennellarli con l’albume d’uovo sbattuto e infornare a 180°C per 25 minuti.